Follow by Email

venerdì 23 febbraio 2018

Simbologia dei Muchachos gordos


In Guatemala, gli scultori preistorici scolpirono diversi colossi di pietra sorprendentemente rotondi e imponenti, attualmente chiamati dalle popolazioni locali Muchachos gordos, ossia "ragazzi grassi".
La loro origine e il loro significato sono arcani, soprattutto per una eccezionale particolarità che li riguarda.
Alcune parti anatomiche dei Muchachos gordos sono sintetizzate: si tratta delle tempie e dell'ombelico.
La simbologia racchiusa nei Muchachos gordos è particolarissima; l'ombelico e la sede della forza vitale, il fulcro, il centro dell'energia divina.
L'energia del centro ombelicale (o fulcro solare) è definita anche forza creativa, sede di unicità.
L'unicità va intesa come sostanza essenziale, sede di unicità.
L'unicità va intesa come sostanza essenziale o centro dell'esistenza: nel centro, il molteplice diviene Uno, il disordine si muta in ordine, l'incomprensibile diviene comprensibile, la morte si trasforma in vita.
Nell'antica Cina il centro ombelicale (o zona energetica interna) rappresentava la scintilla vitale, il vortice di energia universale che ruota in sintonia con il cosmo, le galassie, i pianeti e vibra all'unisono con tutta la Creazione.
La manifestazione concreta della Ki (energia vitale) si manifestava utilizzando specifiche tecniche vocali, comune a tutte le più antiche discipline di arti marziali.
La fusione del centro ombelicale e la vibrazione vocale danno vita al suono primordiale o suono divino.
Le tempie, invece, rappresentano la sede dell'intelligenza e delle potenzialità psichiche dell'uomo.
L'energia creatrice quindi, partendo d centro dell'ombelico si sposta verso l'alto, nella zona intellettiva, sede della coscienza, e da qui si espande nell'Assoluto.
Tratto da "Enigmi, misteri e leggende di ogni tempo" di Stefano Mayorca

Nessun commento:

Posta un commento